Lettori fissi

mercoledì 3 febbraio 2010

QUI NON SI PARLA DI CALCIO, AVETE PRESENTE QUELLO SPORT CHE VA PER LA MAGGIORE IN ITALIA? PROPRIO QUELLO, MI FANNO VOMITARE I CALCIATORI E TUTTO IL MONDO CHE GIRA ATTORNO A LORO.





vedendo la foto che ha postato lory per ricordarci la giornata del micio, mi è tornato in mente questo:



Da Libero – 9 maggio 2008

Vi racconto una storia che sembra una favola (triste) e invece è accaduta davvero. C’era una volta un bellissimo gatto nero. Viveva ad Appiano Gentile. Gli piaceva sdraiarsi sull’erba dei prati frequentati dai calciatori dell’Inter in allenamento. Loro giocavano, lui prendeva il sole e di tanto in tanto osservava con distacco felino quei matti in braghette che rincorrevano il pallone. Non aveva mai fatto del male a nessuno. Dormicchiava, sbadigliava, con la zampetta lavava il mantello nero.I suoi guai sono cominciati quando qualcuno lo ha notato ai bordi del campo: oddio un gatto nero! Siamo nel Terzo Millennio, le streghe sono state tutte bruciate alcuni secoli fa, ma esistono ancora degli imbecilli capaci di credere negli effetti malefici di un micetto scuro. E il nostro micetto scuro come il buio e dolce come il miele è stato preso di mira da un paio di calciatori: ecco, è lui l’untore, lui ci porta sfiga.Il povero gatto non ha più avuto pace. Veniva scacciato. Lo inseguivano forse per rifilargli una pedata al posto del pallone. Finché un giorno, un attaccante di nome Figo, un portoghese che non segnava un gol dalla presa di Troia, lo ha schiacciato con la Jeep. Oh, eliminato lo iettatore!Però, che campione di intelligenza, quel Figo. Il quale, la domenica dopo, viene utilizzato dall’allenatore Mancini nella partita contro la Juve, e si infortuna alla gamba. Stagione chiusa, forse carriera chiusa. Da quel momento l’Inter ha avuto solo tribolazioni, si è mangiata gran parte del vantaggio sulla Roma.Non era il micio nero che menava sfiga, ma chi lo ha ucciso, lo sfigato Figo.Ma ecco il miracolo. Mancini ha la buona idea di portare la squadra in visita al Papa, che ama i gatti di ogni colore (non essendo un cretino non è nemmeno superstizioso). Benedetto XVI ha ricevuto la comitiva e, dato che il suo nome è una garanzia, l’ha benedetta. La storia si chiude qui. Auguriamo all’Inter di vincere lo scudetto e di aver imparato la lezione: i gatti neri vivi portano buono, i gatti neri morti ammazzati con crudeltà sporcano la coscienza degli stolti. E gli stolti sono perdenti. Speriamo che il Papa “gattolico” abbia sistemato le cose. In ogni caso, se Figo mi attraversa la strada, mi tocco. (vittorio feltri)

5 commenti:

  1. Già!!!....mi ricordo quando ce ne parlasti diversi mesi fà.
    Ci pensavo ieri, a questo fatto (putroppo non l'unico ad opera della schifosa razza umana)....
    mentre pubblicavo il post sulla giornata internazionale del gatto!....

    RispondiElimina
  2. ho avuto anch'io lo stesso spiacevole ricordo,e lo rivedo ogni qualvolta una di queste meravigliose creature mi passa davanti.
    la vera bestia è l'uomo
    Lina

    RispondiElimina
  3. ....io invece,se Figo attraversa la strada, l'ho investo con l'auto e per sicurezza metto la retro e ci ripasso sopra ancora una volta....non si sa mai che respiri ancora!!!!

    RispondiElimina
  4. bella idea babs, ti presto la jeep così metti la ridotta e lo schiacci bene bene.

    RispondiElimina
  5. Ah,ah,ah, grazie; con lo scooter non otterrei lo stesso effetto spiaccicato;).

    RispondiElimina