Lettori fissi

domenica 26 dicembre 2010

ERICH SEGAL PUò AIUTARMI

COSA SI PUò DIRE DI UN MICIO CHE AMAVA LA PAPPA, ME E FARE PRRRRRRRRRRRRRRR QUANDO MI VEDEVA?
CHE DI NOTTE SI SPOSTAVA VICINO A ME OGNI VOLTA CHE MI SVEGLIAVO PER ACCAREZZARMI LE GUANCE?
CHE NON ERA SOLO PERCHE' LO COCCOLASSI.

COSA SI PUE' DIRE DI UN MICIO CHE SOFFRIVA DI ABBANDONO COME ME?
CHE QUANDO SONO TORNATA DALL'OPERAZIONE AL POLMONE NON MI HA MAI MOLLATA + PER UN SECONDO?

COSA DI PUò DIRE DI UN MICIOTTO CHE VOLEVA STARE A TUTTI I COSTI SEDUTO SULLA STESSA POLTRONCINA CON ME?

CHE SPINGEVA CON LE SUE SATTINE GRANDI COME DELLE FOCACCETTE PER FARSI SPAZIO?

NON SI PUò DIRE NULLA, SOLO LO STRAZIO DI CHI RESTA.






ANCH'IO AMAVO I BEATLES, ANCHE MOZART, MA LUI ERA LUI.
DEI BEATLES AMAVO TUTTO, DI MOZART IL DON GIOVANNI.

MA PISSI.......... NON CI SONO PAROLE PER DESCRIVERE IL FILO D'AMORE CHE CI LEGAVA.

E ME LO SONO VISTO MORIRE TRA LE BRACCIA, UN DOLORE CHE NON SI PUò DESCRIVERE


18 commenti:

  1. cara Franci, e' un vuoto che inghiotte, te lo vedi dappertutto ma hai tanti bellisimi ricordi.........un micino fortunato di aver incontrato una miciotta come te che lo amava così tanto.
    Golia me lo hanno ucciso un anno fa dopo 15 anni di convevenza , adorabile gli mancava la parola.
    Oggi mi resta la felicità di averlo avuto e di aver condiveso tantissime belle cose.
    Un abbracciostritoloso,Da Ale

    RispondiElimina
  2. Ti seguo da sempre in silenzio ma questa volta il tuo dolore lo sento vicino. Anche il mio Dermi lo abbiamo dovuto sopprimere dopo quindici anni a causa di un'insufficienza renale che lo stava distruggendo. L'ho tenuto tra le mie braccia mentre si è addormentato ed è un ricordo che non si cancellerà più. Ma ho anche tantissimi ricordi che mi fanno sorridere. La mia medicina per lo sconforto è stata una miciona, che adesso ha tre anni ed è una coccolona, più del suo predecessore.
    Forza e coraggio, il tempo aiuta a far passare il dolore ed un altro micio saprà di sicuro colmare il vuoto.
    Claudia

    RispondiElimina
  3. Ciao, Franci, mi dispiace tanto... quando è morta la mia gatta Pilù, cresciuta con noi per 11 anni, ho continuato a piangere per sei mesi. E quando abbiamo preso Ruggine... io la volevo, ma al tempo stesso mi chiedevo come sarebbe stato possibile, temevo che sarei stata tiepida, mi dicevo che non ci sarebbe mai più stata una gatta così. E infatti Ruggine è diversa, completamente. Pilù voleva essere presa in braccio, poi mi mordicchiava i bottoni per farmi una coccola, si strusciva fino al mio mento e toc! Mi tirava una craniata sul mento, ed era il massimo della dimostrazione d'amore. Ruggine non vuole essere presa in braccio. Ho pensato a lungo che fosse selvaggia e poco tenera. Però quando ha partorito mi ha voluto e non mi lasciava allontanare... Pilù si nascondeva per partorire! Ecco, quello che volevo dirti è questo: non si dimenticano, lasciano un vuoto grande dentro di noi, eppure quando sarà il momento ci sarà un altro gatto nella tua vita e tu lo amerai con la stessa forza. Anche se adesso sembra impossibile...

    RispondiElimina
  4. Quando è mancata la mia Pika, non volevo più nessun animale, poi, un amica saggia mi ha detto :..non potrai avere più la tua micia, ma lì fuori, da qualche parte, c'è un gattino che ha bisogno di te, ed è pronto a darti a suo modo tutto l' amore e l' affetto possibile...e quando sarai pronta lo troverai...

    .."a suo modo", perchè questi piccoli compagni hanno ciascuno il loro carattere e le loro espressioni di affetto grande ed incondizionato, perchè lo sentono che li amiamo.
    E dopo Pika, c'è Tigro, e c'è stata la piccola Brina, i quali hanno percorso accanto a me un pezzetto del sentiero di questa nostra vita..
    Un abbraccio
    Sonia

    RispondiElimina
  5. tutte con la stessa esperienza, tutte concordi. Io non avevo mai avuto gatti in casa, ma poi ho iniziato con Pasticcia, quella della foto, che nel giro di pochi giorni a 8 anni si è ammalata e si è addormentata dal veterinario con me che la accarezzavo. E l'anno scorso Ginevra, intrepida gattina che copiava tutto quello che faceva Grey, la nostra cagnona corsa, e questa sua temerarietà le è stata fatale una notte dello scorso inverno a caccia di topi ha trovato un'automobile sulla sua strada. E ora Zoe 3 mesi e sono due giorni che quasi non mangia e sono preoccupatissima e domani si va dal veterinario. Sì ogni animale ha la sua personalità e dà il suo amore e lo chiede.
    Siamo fortunati noi che sappiamo riconoscerlo.
    Caty2

    RispondiElimina
  6. ciao kokina,sono l'Antea di Lina.
    tu sei stata più fortunata di me perchè con Pissi ci sei stata tanto.
    una volta la mamma mi ha comperato un anatroccolo che desideravo tanto,e l'ho chiamata Attia.ero la bimba più felice del mondo,ma dopo solo due ore che era con me è morta.per la prima volta ho capito perchè si piange quando muore qualcuno,fa veramente tanto male e quando ho letto di Pissi ho rivisto Attia e ho pianto.
    abbiamo ripreso un'altro anatroccolo,anzi è stato lui a scgliere me,è un maschio di oca che è diventato bellissimo ma non è Attia.
    ora Pissi è con Attia.
    mi è piaciuta la poesia della stellina.grazie a chi l'ha scritta.
    tvb Antea

    RispondiElimina
  7. La mia cagnolina era così speciale e unica che non sono mai più riuscita a prendere un altro cane.La veterinaria mi disse che era riuscita a vivere tanto a lungo con tutti i problemi che aveva per il troppo amore che nutriva nei miei confronti.Nessuno ci ama così,senza condizioni e richieste,le sarò eternamente grata per quello che mi ha donato.
    Capisco il tuo dolore e per quello che può servire ti sono vicina.
    Claudia.

    RispondiElimina
  8. Franci, lo so è un dolore lacerante. Hai avuto Pissi un grande amore. Hai tante amiche che ti capiscono e condividono il tuo dolore. Passerà il tempo...La VITA canterà ancora...

    RispondiElimina
  9. Ogni volta che guardo quella foto di Pissi mi viene un colpo al cuore...è un istante terribile, fissato nella tua mente per sempre ma non credo che lui vorrebbe essere ricordato così,i gatti sono orgogliosi,mica si faceva spazzolare la pelliccia tutti i giorni per bau bau micio micio...Forza Kokina,tira fuori la foto più bella che hai,quella che quando la guardi ti fa piangere per quello che è stato e ora non c'è più ma che ti fa anche venire una ridarella dentro perchè di sicuro è stata scattata in un momento di felicità...

    RispondiElimina
  10. hai ragione Laura, mi devo scusare con tutte voi per aver postato quella foto di pessimo gusto. questa voglia malsana di farvelo vedere così..... ed ho mancato anche nei suoi confronti..... mi dispiace, non so........

    RispondiElimina
  11. Cara Franci, mi dispiace immensamente, io non ho mai avuto un gatto ma ho due cani, e ti sono vicina, coraggio vedrai passerà e troverai un'altro amico da amare e che ti amerà...
    Un abbraccio
    Antonella

    RispondiElimina
  12. Ciao Kokina, spero non ti dispiaccia il mio commento.
    Quando ho letto di Pissi sono rabbrividita.
    Mi dispiace tantissimo e mi è sembrato di rivivere le feste di Natale di 3 anni fa, quando anche il mio Junior se n'è andato. E' un dolore che chi non lo prova non può capire. Poi il tempo lentamente passa e oltre al dolore riaffiora la tenerezza per i momenti belli passati insieme.
    Ancora oggi io come avatar ho il musino di un gattino che ride perchè somiglia tantissimo al mio gattone.
    Oggi ero al centro commerciale di Rovato Brescia e ho visto quello che sembrava il fratellino minore di Pissi, con questo non voglio dire che lo devi sostituire ma magari quando il dolore sarà meno forte forse avrai voglia di rendere fortunato con il tuo affetto un altro cucciolo che non sarà sicuramente Pissi ma che a modo suo ti darà tanta tenerezza.
    Micky

    RispondiElimina
  13. cioa bella....ho tanta paura anch'io che la mia micia mi abbandoni,,,io e mio marito l'amiamo
    non so cosa posso dirti per consolarti.....
    guarda però quante persone ti sono vicine...
    sai, il tempo è un grande dottore
    un bacio

    RispondiElimina
  14. grazie Paola.
    si, tantissime, non pensavo.

    ma ho capito che ho dato i numeri.........

    ma è malata la tua micia?
    sento che la ami tanto, goditi tutti i secondi che puoi con lei, non sono mai abbastanza.
    un abbraccio
    franci

    RispondiElimina
  15. Ciao Kokina... non ci sono piu' parole....
    in questi giorni quando vedo un gatto che puo' essere su un calendario, su internet, alla tv....ti penso , ....penso che stai male e mi dispiace, penso a quanto ti manca il tuo micione....
    penso al mio Nelson e penso a tutto l'amore che provo per lui e all'affiatamento che c'e' con lui e ti capisco sai?....
    un abbraccio vania

    RispondiElimina
  16. ciao Francesca, come va???
    vedere la foto di Pissi in quello stato mi faceva male al cuore, perdonami, ma in questi giorni non riuscivo ad avere la forza di passare da qui a salutarti... non riesco a immaginare il dolore che tu hai provato a vederlo così, di persona!
    vedo che l'hai tolta e posso dirti che hai fatto bene?? Pissi sicuramente vorrà essere ricordato per come era, bello, forte, magnifico!!
    ed è così che tu lo devi ricordare!
    sono certa però, che un giorno incontrerai un altro micio a cui dare tutto l'amore che provi. certo non sarà il tuo Pissi, ma sicuramente ti ricompenserà di tutto il dolore che stai provando, coraggio!!
    baci, Caterina

    RispondiElimina
  17. hai ragione Caterina, ho perso completamente la testa.
    gli ho mancato di rispetto.
    con fatica, sto chiamando gli allevamenti dei persiani in lombardia..........
    mi manca, lo cerco dappertutto.
    Pissi è venuto a vivere con me quando aveva 4 anni, non mi dispiacerebbe avere un cucciolino matto :)

    RispondiElimina